Passa ai contenuti principali

Segnalazione del romanzo di fantascienza "Essi vennero" di Raffaele Fiorillo



Ancora segnalazioni!

Che noia, direte voi. Oh, dai, scherzate? Un libro è sempre una sorpresa gradita, non gli si può dire di no!

L’autore del romanzo che oggi voglio presentarvi è nuovo anche per me, si chiama Raffaele Fiorillo ed “Essi vennero” è il suo primo libro (lo potete trovare su Amazon sia nel formato digitale che cartaceo).

 

Di cosa parla questo romanzo?

Eccovi, curiosoni, la sinossi:

 

Siamo soli nell'Universo?
Una tiepida mattina di inizio Maggio del 2042 questa grande domanda riceve finalmente la sua risposta: la razza extraterrestre dei "Grigi" atterra in diversi angoli di un pianeta Terra già martoriato dalla sovrappopolazione e dall'eccessivo inquinamento, portando distruzione e violenza oltre ogni limite immaginabile. Cadono i governi, la razza umana viene decimata e i pochi esseri umani superstiti sopravvivono qui e lì nascondendosi sottoterra, bollendo acqua piovana e trafugando il cibo dove possibile.
Giulia, poco più che ventenne, è l'unica persona conosciuta ad essere scappata dalla prigionia aliena e quando incontrerà Giovanni e il suo gruppo di sopravvissuti in una Napoli orribilmente lacerata penserà di aver trovato la salvezza, ma un grosso segreto è ben celato dentro di lei.

 

Ed eccovi anche un piccolo estratto:

“«I Grigi non comunicavano con le parole. Facevano gesti, utilizzavano strumenti simili ai nostri computer. Ricordo che quasi tutti avevano degli impianti metallici conficcati nel corpo, sopratutto la testa: ho sempre immaginato che comunicassero attraverso la telepatia. Credete sia possibile?»

«A questo punto credo ogni cosa sia possibile» disse Giovanni «E riguardo agli ultimi giorni? Come sei riuscita poi a fuggire?»

«Ci fu una grossa esplosione, forse un incidente. Io e pochi altri siamo cascati per terra, liberi dai macchinari ai quali eravamo legati, e abbiamo provato a scappare cercando di uscire all'esterno. Ho corso con tutte le forze che avevo, senza mai voltarmi indietro mentre dalle mie spalle provenivano rumori simili a degli spari. Quando sono arrivata all'esterno e mi sono resa conto di correre in mezzo al cemento, all'aria aperta, ho capito di essere rimasta sola e ho continuato a correre fino allo sfinimento.»

Giulia versò qualche lacrima, Bruno le porse un fazzoletto.”

 

Io sono molto incuriosita, e voi?

Se volete scoprire qualcosa di più sul libro e sull’autore, ricordatevi dei suoi link social che sono:

facebook.com/raffaelefiorilloautore

https://www.instagram.com/raffocinematic/


Commenti

Francesco Abate ha detto…
Il tema dell'invasione aliena affascina sempre, ma sono curioso di sapere anche come l'autore ha immaginato il mondo del 2042.

Baci.
Francesca A. Vanni ha detto…
Libro molto interessante!
Ti abbraccio.
Olivia Hessen ha detto…
Grazie ragazzi per i commenti!

Post popolari in questo blog

Segnalazione del romanzo LGBT "La cosa più preziosa" di Lucrezia Ruggeri e del blog All in my world Debbyna

Il potere (da Romeo e Giulietta: ama e cambia il mondo)